Avvocato Mara Navarro
STUDIO LEGALE
CONSULENZA
LEGALE
Un avvocato
al tuo fianco
per muoverti con sicurezza
nel mondo della legge

Notizie

08-01-2019
PRASSI: SPESE CONDOMINIALI ARRETRATE, CHI LE PAGA?

Chi ha l’obbligo di corrispondere le SPESE CONDOMINIALI ARRETRATE dopo l’acquisto e/o l’aggiudicazione di un immobile sito in condominio?

Per rispondere al suddetto quesito è importante prima determinare chi è il soggetto obbligato a pagare e da quanto si è obbligati:

L’obbligato a pagare le spese condominiali è Il Condomino, ovvero il proprietario dell’immobile. Il Condomino diventa tale, nel caso di compravendita, dalla sottoscrizione dell’atto di compravendita (rogito) e nel caso di aggiudicazione tramite asta immobiliare  - dall’emissione del decreto di trasferimento emesso dal Giudice dell’esecuzione.

Dunque, una volta definito ciò, stando a quanto indicato dall’art 63 delle disp att. del c.c., l’aggiudicatario / nuovo condomino è tenuto al pagamento delle spese condominiali: a) dell’anno in corso (o della gestione condominiale in corso) e b) dell’anno immediatamente precedente (o della gestione condominiale precedente) al quale (alla quale) si è verificata la vendita.

Ciò detto, quindi, nel caso in cui il precedente proprietario non avesse pagato le spese condominiali per più anni o gestioni condominiali, chi sarebbe l’obbligato a corrispondere i contributi delle gestioni /anni anteriori all'anno precedente a quello in cui è avvenuta l'aggiudicazione (sia per compravendita che all’asta)?

Nella fattispecie, gli obbligati sarebbero tutti i condomini. In quanto la prassi e la giurisprudenza hanno stabilito che le spese condominiali rientrerebbero tra quelle obbligazioni propter rem: ovvero sia obbligazioni che seguono l’immobile e per tanto, non recuperabili dall'ex condomino (obbligato effettivo) che, non essendo più condomino non è più obbligato a corrispondere alcuna spesa condominiale, non lasciando così un’altra strada che ripartire fra tutti i condomini secondo le tabelle millesimali il suddetto debito pregresso. In tal modo, quella morosità si rifletterebbe anche sull'aggiudicatario, ma ciò avverrebbe solo nei limiti della sua quota millesimale.

Infine nel caso in cui l'aggiudicatario dovesse corrispondere anche i contributi maturati anteriormente a quelli che per legge gli spettano, potrebbe / dovrebbe rivalersi esclusivamente nei confronti del debitore precedente (venditore e/o esecutato)

L'esperto risponde
Contattaci per illustrarci il tuo problema. Sapremo consigliarti al meglio.

ENTRA